Informazioni personali

La mia foto
Mi chiamo Maria e sono una gran mangiona. Mi piace tutto ad eccezione del cibo cucinato male. Mi piace cucinare sempre nuove pietanze e quando non ho piatti e padelle da lavare, mi sento triste. La mia cucina è ricchissima di caccavelle di tutti i tipi; il solo vederle in un negozio mi fa soffrire: le voglio a casa mia!!! Prediligo i dolci e tutti gli impasti lievitati ma non disdegno il resto. La mia vita ruota intorno a due pilastri: la culinaria e la scuola infatti, se mi cercate, mi trovate o in cucina o in un'aula scolastica. Ho aperto questo blog per conservare le ricette provate e poi perchè non voglio essere obsoleta e desidero dimenticare il buon vecchio quaderno di ricette scritte a mano.

Cerca nel blog

mercoledì 25 settembre 2013

Il bonet piemontese

4edited

Non capisco perchè ho aspettato così tanti anni per farlo.

E’ una meraviglia di dolce,molto facile da fare e dal sapore unico.

L’ho visto in tantissimi blog senza mai decidermi a farlo ma un giorno, sfogliando alcune pagine del blog di Elena ( cooking-Elena.blogspot.it) ed avendolo rivisto,ho capito che era giunto il momento di provare questo dolce.

Bonet( si pronuncia bunet) significa  “ cappello”.Tale singolare nome, a quanto pare,è stato dato perchè essendo servito in tavola alla fine di un pasto fa da cappello al resto.

2

 

8

 

Dal blog di Elena, con una mia piccola aggiunta ( il caffè solubile)


Ricetta postata da Maria Bianco in panzaepresenza.blogspot.it

Ingredienti:

100 g di amaretti

500 ml di latte

50 g di cacao amaro

100 g di zucchero

6 uova

un cucchiaino di caffè solubile

Inoltre:

uno stampo da plumcake

uno sbattitore elettrico

acqua

caramello ( io ho usato il top Fabbri caramello)

qualche amaretto per decorare

 

Con uno sbattitore elettrico lavorare bene le uova con lo zucchero.

A parte,usando un mixer,ridurre in polvere gli amaretti ed unire ad essi il cacao amaro e un cucchiaino di caffè solubile.

Aggiungere il composto di amaretti alle uova mescolando delicatamente.

In ultimo unire il latte ( non tutto in una volta) ed il composto per fare il bonet può dirsi pronto.

Ora bisogna fare il caramello che serve per rivestire lo stampo prima di versarci il composto.

Il caramello si fa facendo sciogliere,in un padellino, qualche cucchiaio di zucchero in poca acqua fino a quando diventerà bruno.

Avendo in casa la salsa dolce al caramello della Fabbri,mi sono risparmiata questo lavoretto e non ho sporcato altro.

Versare il caramello sul fondo di uno stampo da plumcake e roteare  lo stampo al fine di rivestirlo dello stesso.

Versare il composto dentro lo stampo.

Inserire lo stampo dentro una teglia più grande rivestita da un foglio di giornale e contenente acqua ( cottura a bagnomaria in forno).Naturalmente l’acqua non dovrà essere eccessiva altrimenti si rischia di bagnare il bonet.

Ho letto,in giro nel web, di un importante consiglio che qui riporto: l’acqua del bagnomaria non deve mai bollire poichè il risultato finale sarebbe un dolce troppo sodo e pieno di bolle piuttosto che morbido e compatto.

Cuocere il bonet in forno a 160° per circa 55 minuti.

Attendere che sia almeno tiepido per poterlo sformare e poi metterlo in frigorifero per un paio di ore prima di poterselo gustare ( tutto!!!!!)

001

 

6

 

10

20 commenti:

  1. Sono stata molte volte in Piemonte, ma non l'ho mai sentito, devo rimediare! Buona giornata :)

    RispondiElimina
  2. anche io non l'ho mai preparato, ma ho molta curiosità di assaggiarlo prima o poi :-)

    RispondiElimina
  3. Ciao MariaBianca, che bello rileggerti!
    Ho mangiato il BUNET varie volte ed e' efettivamente buonissimo.
    Dato che in questa ricetta ci sono gli amaretti, e l'altra tua torta agli amaretti e' piaciuta tantissimo allora credo proprio che lo faro' a breve. Ma senza caramello! Io non lo tollero! Ti faro' sapere appena la faccio!

    http://panzaepresenza.blogspot.it/2013/05/la-torta-antichissima-di-amaretti-e.html

    RispondiElimina
  4. Non lo conoscevo ed era un vero peccato. Mi piace tantissimo, grazie per la ricetta.

    ti seguo su bloglovin

    www.pastaenonsolo.it

    RispondiElimina
  5. ma sai che anche io non l'ho mai assaggiato e mai fatto? Però ora leggo la tua ricetta e la trovo semplice e visto che dei tuoi giudizi mi fido, copio la rietta e lo metto nella lista dei dolci da provare!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  6. Grazie e vi raccomando......fatelo!!!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao! anch'io l'ho fatto qualche tempo fa e mi sono fatta la stessa domanda..perchè non l'ho fatto prima??? buonissimo!!!

    RispondiElimina
  8. invidiaaaaa!!! ho la ricetta di Sabtin da tempo immemorabile e mai mi decido....più brava sei stata tu a farlo e come dici tu perchè aspettare tanto?? che tentatrice che sei! bellissimo dolce e bravissima tu, baciiii

    RispondiElimina
  9. Ciao Mariabianca, hai fatto benissimo a farlo! E' un dolce buonissimo che una volta scoperto non ti abbandona più. Sono contenta che io ti abbia dato lo stimolo :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. è una ricetta che ho visto in tanti libri essendo un dolce tipico piemontese ma non l'ho mai mangiato nè preparatoè giunto il momento di prepararlo, mi hai incuriosita ed ingolosita, grazie per la ricetta e buona serata

    RispondiElimina
  11. Non ho mai assaggiato questo dolce ma guardando il tuo deve essere delizioso!! Ciao!

    RispondiElimina
  12. Ciao Mariabianca, come stai? :) Non ho mai fatto il bonet piemontese e devo assolutamente rimediare!!! :D Il tuo è invitantissimo, tanto goloso :) Complimenti e un abbraccio, buona serata! :**

    RispondiElimina
  13. Grazie a voi,vi abbraccio.Al momento sono alle prese con pinterest ( mi sono appena iscritta) e sto cercando di capirci qualcosa.

    RispondiElimina
  14. Ciao Maria ! ti vedo conquistata dal bonet.. hai ragione è proprio il re dei budini ! ti ammiro per essere alle prese con pinterest.. il prossimo anno mi illumini ! Ciao e buona giornata !

    RispondiElimina
  15. E da tempo anch'io me lo studio e come te non mi decido ancora,ma ora davanti a queste immagini e alla tua esperienza non mi resta che provare!Sempre bravissima Maria,un bacione e un assaggio di quella delizia!

    RispondiElimina
  16. Visto tante volte anch'io e mai fatto!
    Aspetto che passi un pò questo caldo e poi mi butto ;)

    RispondiElimina
  17. Evviva il bonet....a Torino tra i dolci al ristorante c'è sempre ! Ma vuoi mettere come lo prepari tu ?

    RispondiElimina
  18. divinooooo!!!! non lo conoscevo ma lo proverò prestissimo!!! un bacione!!!!

    RispondiElimina
  19. assolutamente paradisiaco....

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...