Informazioni personali

La mia foto
Mi chiamo Maria e sono una gran mangiona. Mi piace tutto ad eccezione del cibo cucinato male. Mi piace cucinare sempre nuove pietanze e quando non ho piatti e padelle da lavare, mi sento triste. La mia cucina è ricchissima di caccavelle di tutti i tipi; il solo vederle in un negozio mi fa soffrire: le voglio a casa mia!!! Prediligo i dolci e tutti gli impasti lievitati ma non disdegno il resto. La mia vita ruota intorno a due pilastri: la culinaria e la scuola infatti, se mi cercate, mi trovate o in cucina o in un'aula scolastica. Ho aperto questo blog per conservare le ricette provate e poi perchè non voglio essere obsoleta e desidero dimenticare il buon vecchio quaderno di ricette scritte a mano.

Cerca nel blog

lunedì 20 febbraio 2017

Le perle di cioccolato alla menta

4

 

Ricetta postata da Maria Bianco in panzapresenza.blogspot.it

 

Ingredienti:

250 g di cioccolato fondente - due cucchiai di sciroppo di menta - due cucchiai di cacao amaro - 100 g di zucchero al velo - 30 g di burro morbido -

Inoltre:

altro zucchero al velo e cacao amaro

 

Fondere nel microonde 150 g di cioccolato fondente ed aggiungere dopo il burro,lo zucchero al velo, il cacao amaro e lo sciroppo di menta.

Freddare il composto in frigorifero e fare poi delle palline ( perle ) .

Fondere i 100 g di cioccolato fondente rimasto ed immergervi le perle di cioccolato.

Rotolarle infine nello zucchero al velo oppure nel cacao amaro.

Conservare in frigorifero.

1

 

 

2

martedì 14 febbraio 2017

La crema di lattuga con nocciole tostate

 

3

 

Ricetta postata da Maria Bianco in panzaepresenza.blogspot.it

 

Ingredienti:

una grossa lattuga - un porro - sei patate medie - un litro di brodo vegetale - una manciata di nocciole tostate tritate grossolanamente - olio extravergine d'oliva - una nocciolina di burro - 30 ml di panna da cucina   - sale e pepe -

 

In tegame rosolare,in olio e burro,il porro tagliato a rondelle.

Aggiungere la lattuga spezzettata, un pizzico di sale e pepe, le patate a tocchetti e rosolare.

Unire il brodo vegetale e cuocere il tutto.

A fine cottura frullare in un mixer. Rimettere nel tegame ed aggiungere la panna.

Servire con sopra una spolverata di nocciole tostate.

1bis

mercoledì 8 febbraio 2017

I bocconcini di carne con cupoletta di couscous

 

4 bis

 

Avevo in dispensa un pacco di ceci toscani e del lardo d’Arnaud: ho deciso di usarli per preparare questi bocconcini di carne che possono essere considerati un vero piatto unico data l’aggiunta di alcune cupolette di couscous.

 

Ingredienti:

1 kg di carne di manzo a bocconcini – 6 carciofi – una manciata di piselli – tre fettine di lardo d’Arnaud – tre cipolline lunghe - una latta di pomodoro pelato da 400 g – 300 g di ceci toscani lessati a parte – due carote a fettine – un bicchierino  vino bianco secco – sale e pepe q.b. – un pochino di acqua calda -

Inoltre:

5 bicchieri di couscous precotto  – 5 bicchieri di acqua bollente o,meglio ancora, 5 bicchieri di brodo vegetale.

 

In un largo tegame rosolare in poco olio il lardo d’Arnaud tagliato a pezzettini con le cipolline lunghe tritate. Poi aggiungere i bocconcini di carne spolverati di sale e continuare a rosolare. Unire le fettine di carote,la manciata di piselli ed i cuori dei carciofi tagliati a metà. Dopo alcuni minuti mettere un bicchierino di vino bianco secco e sfumare. A questo punto è il turno del pomodoro pelato e del pepe macinato al momento. Cuocere dolcemente unendo,se necessario,poca acqua calda.

Gli ultimi dieci minuti di cottura aggiungere i ceci lessati e completare la preparazione.

A parte preparare il couscous precotto come da confezione e,appena pronto e sgranato metterlo dentro uno stampo a cupoletta pressando bene. Poi capovolgerlo.

Servire i bocconcini di carne in un grande piatto da portata con al centro la cupoletta di couscous. Decorare a piacere.

 

6

giovedì 2 febbraio 2017

I cavolini di Bruxelles al forno con salsa all’arancia

 

3

 

 

La salsa all'arancia per condire questi cavolini di Bruxelles è risultata buonissima,vi invito a provare la ricetta.

 

1

 

Ricetta postata da Maria Bianco in panzaepresenza.blogspot.it

Ricetta vista nel sito Greenme.it e lievemente modificata.

 

 

 

Ingredienti:

350 g di cavolini di Bruxelles - 40 g di burro -un cucchiaio colmo di sciroppo d'acero -un cucchiaio colmo di succo d'arancia - due cucchiaini colmi di aceto balsamico - un cucchiaino di scorza d'arancia grattugiata - olio extravergine d'oliva - sale e pepe -

 

Pulire i cavolini di Bruxelles dalle foglie esterne e,dopo averli lavati,tagliarli a metà. Mettere i cavolini in teglia su carta forno e condirli con olio,sale e pepe. Infornare a 170° per 20 minuti circa.

Mentre i cavolini cuociono,preparare la salsa all'arancia.

Mettere,in un padellino,il burro e fare sciogliere. Spegnere il gas,unire al burro l'aceto balsamico,il succo d'arancia,lo sciroppo d'acero,la scorza grattugiata dell'arancia. Mescolare il tutto e versare la salsa sui cavolini già cotti.

Questa salsa ha solo un piccolo difetto: dopo qualche minuto che è preparata si addensa diventando cremosa. Consiglio di versarla sui cavolini e consumare subito ( io avevo già la forchetta in mano ! ).

2

giovedì 26 gennaio 2017

La vellutata di mele e sedano rapa

2

 

Non avevo mai assaggiato il sedano rapa…..una vera sorpresa!

 1

Ricetta postata da Maria Bianco in panzapresenza.blogspot.it 

 

Ingredienti:

300 g di sedano rapa - 2 mele rosse piccole ( 160 g ) - una costa di sedano - olio extravergine d'oliva - sale e pepe - 700 g di brodo vegetale - 3 rametti di timo fresco -

Inoltre:

4 fette di pane raffermo - olio -peperoncino piccante e timo

 

In un tegame mettere a rosolare in olio il sedano rapa a pezzetti,le mele sbucciate e fatte a pezzetti,il sedano.

Aggiungere le foglie di timo fresco , il brodo vegetale,sale e pepe. Coprire e cuocere per circa 30 minuti.

Frullare in un mixer e servire la vellutata con un filo di olio sopra e dei crostini così preparati: tagliare il pane a cubetti,condire con timo e peperoncino piccante e friggere in olio caldo.

 

6

giovedì 19 gennaio 2017

La torta pasqualina ligure

 

12

 

Ho sempre desiderio di provare nuove ricette.

Tutto ha avuto inizio quando,un giorno, guardando le ricette presenti nel sito della Galbani, ho trovato la ricetta della torta Pasqualina firmata Galbani; l’ho letta con interesse e mi sono appuntata gli ingredienti.

Non contenta di ciò,mi sono letta,su internet, tutte le notizie riguardanti questa sontuosa torta genovese ed ho scoperto che,anticamente, si era soliti farla sovrapponendo trentatre sfoglie di pasta in omaggio agli anni di Cristo.

Incredibile!

Come per tutte le ricette della tradizione esistono molte varianti concernenti sia la pasta che il ripieno. C’è chi la prepara velocemente usando la pasta sfoglia,chi sostituisce la bietola con gli spinaci, chi addirittura la prepara con i carciofi. C’è chi mescola le bietole con la ricotta e chi,come me,ne fa due strati distinti e separati ( unica mia pecca è stata quella di trovarmi con uno strato troppo abbondante di ricotta ed uno poco abbondante di bietola per cui consiglio di aumentare,anche di poco,la dose delle bietole e di diminuire di poco quella di ricotta ). Essendo la mia prima volta mi sono voluta mantenere fedele,il più possibile,alla tradizione ( senza,naturalmente, “ affaticarmi “ a preparare trentatre sfoglie di pasta ). Non ho potuto usare,nel ripieno, la quagliata ( prescinseua in lingua ligure ) perché introvabile dove abito e l’ho sostituita con la ricotta.

 

7

 

Ricetta postata da Maria Bianco in panzaepresenza.blogspot.it

 

Ingredienti per la pasta:

500g di farina 00 – 270 g di acqua a temperatura ambiente – 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva – un pizzico di sale –

Inoltre:

4 mazzi di bietola ( 700 g pesati dopo aver lessato e strizzato la bietola ) – 2 uova – 80 g di parmigiano grattugiato – sale e pepe – alcune foglioline di maggiorana tritate – due piccoli scalogni -

Inoltre:

500 g di ricotta sgocciolata – 2 uova – 80 g di parmigiano grattugiato – sale e pepe –

Inoltre:

11 uova – olio per spennellare le tortiere – un pennello da cucina – un mattarello -

 

 

Le dosi sopra indicate vanno bene per due piccole tortiere,una diametro 20 e l’altra diametro 18,entrambe con i bordi alti. Nel caso non si avessero basta usare una tortiera molto grande. E’ consigliabile usare tortiere a cerniera per una facile sformatura della torta.

Iniziare con il preparare la pasta,il sottile involucro che conterrà il ripieno di uova,bietole e ricotta. Nel boccale bimby mettere la farina,l’acqua,l’olio ed il sale e fare andare per tre minuti a velocità spiga. Naturalmente,se non si ha il bimby,basta impastare a mano o con una qualsiasi impastatrice. Dalla pasta ricavare,usando una bilancia,otto palline di uguale peso ( le mie pesavano 100 g ciascuna ) e tenerle su un largo piatto infarinato,coperte da un canovaccio,per circa un’ora. La pasta ottenuta sarà di una elasticità incredibile,perfetta per essere resa molto sottile,quasi trasparente. Mentre la pasta riposa, preparare il ripieno: pulire le bietole e lessarle in acqua bollente salata fino a cottura ( non devono essere molto cotte perché subiranno altre cotture ).Scolare ( benissimo) le bietole e saltarle in padella tagliuzzate con un filo di olio e due piccoli scalogni tritati.Freddare. Aggiungere,in ciotola, le bietole con due uova, il parmigiano,il pepe e la maggiorana tritata.A parte,in un’altra ciotola, mescolare la ricotta con due uova,il parmigiano,il sale ed il pepe .

Ora non resta che preparare le due tortine………

Spennellare di olio il fondo e le pareti delle tortiere.Prendere una pallina di pasta e stenderla sottile con il mattarello su un tavolo infarinato.Allargare ulteriormente la pasta prendendola con le mani ( è molto elastica e difficilmente si rompe ); depositarla dentro la teglia facendo fuoriuscire i bordi. Spennellare di olio il primo strato di pasta e preparare il secondo con un’altra pallina.Ungere di olio anche il secondo strato sottile di pasta ( in tutto se ne fanno quattro,due sotto e due sopra ) e riempire con uno strato di bietola condita. Sulla bietola fare uno strato di ricotta condita e preparare,con il dorso di un cucchiaio delle fossette sulla ricotta ( in una tortiera ne ho fatte cinque,nell’altra sei….ecco perché undici uova ).Riempire ogni fossetta con un uovo intero, aggiungere un pizzico di sale sulle uova e procedere alla preparazione delle altre due sfoglie di pasta che chiuderanno il ripieno. Ricordo di spennellare di olio anche gli ultimi due strati.Non resta che chiudere la torta portando verso l’interno tutta la pasta sottile che era fuori il bordo della tortiera ( siccome non mi piacciono i bordi troppo spessi,ho “ strappato “ un po’ di pasta in eccesso ). Usando i rebbi di una forchetta ho rigato i bordi al fine di chiudere bene. Infornare a 170° per circa un’ora.

Il tempo di cottura è stato più lungo dei 45 minuti previsti perché le mie tortiere anche se piccole erano alte. Le uova devono essere perfettamente cotte e non con il tuorlo semiliquido.Non fatevi spaventare dalla lunghezza della ricetta perché è facilissima da fare e molto……molto buona.La torta si può congelare a fette coperte da pellicola e gustarle quando si ha voglia riscaldandole nel microonde.

Nota:

Con il poco di pasta “ strappata” ho fatto d’istinto qualcosa di incredibilmente buono che vi svelerò presto…….

32

 

15

 

6

 

9

 

14

lunedì 16 gennaio 2017

Il succo di mele caldo e speziato

 

  1

 

Sentiamo freddo?

Allora beviamoci un succo di mele caldo e speziato!

 

3

Ricetta postata da Maria Bianco in panzaepresenza.blogspot.it

 

Ingredienti:

800 g di succo di mele – succo di mezzo limone – un pizzico di zenzero in polvere – un bastoncino di cannella – due chiodi di garofano – scorza di un’arancia – due anice stellato – 200 g di acqua – 50 g di zucchero di canna mascobado -

 

Scaldare,senza fare bollire, il succo di mele con l’acqua.

Poi aggiungere il succo di mezzo limone,la scorza di un’arancia,la cannella,lo zenzero,i chiodi di garofano,l’anice stellato e lo zucchero di canna.

Sobbollire a fuoco basso per 15 minuti.

Poi filtrare e servire.

Si può preparare prima e riscaldarlo al momento del bisogno. 

Ottimo!

2

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...