Informazioni personali

La mia foto
Mi chiamo Maria e sono una gran mangiona. Mi piace tutto ad eccezione del cibo cucinato male. Mi piace cucinare sempre nuove pietanze e quando non ho piatti e padelle da lavare, mi sento triste. La mia cucina è ricchissima di caccavelle di tutti i tipi; il solo vederle in un negozio mi fa soffrire: le voglio a casa mia!!! Prediligo i dolci e tutti gli impasti lievitati ma non disdegno il resto. La mia vita ruota intorno a due pilastri: la culinaria e la scuola infatti, se mi cercate, mi trovate o in cucina o in un'aula scolastica. Ho aperto questo blog per conservare le ricette provate e poi perchè non voglio essere obsoleta e desidero dimenticare il buon vecchio quaderno di ricette scritte a mano.

Cerca nel blog

venerdì 25 maggio 2012

I cordoni di frate con stinco di maiale ai funghi e nuova collaborazione

 

 

8

La pasta fresca è tutta un’altra cosa!!!!

La borsetta piena di pane,che si vede dietro,ha uno scopo ben preciso: una volta “ spazzolata” la pasta fresca,il pane aiuta a “ raccogliere” il buon sugo rimasto nel piatto…..è vero…in tempo di crisi non si butta via niente!!!

Il piatto deve rimanere pulito………..e non certo con sacrificio!!

9

 

Ingredienti:

quattro stinchi di maiale

tre cipolline lunghe

un bicchierino di Vinchef

30 g di funghi porcini secchi

abbondante prezzemolo tritato

olio extravergine d’oliva Dante

un pizzico di zucchero

due bottiglie di passata di pomodoro da 720 g l’una

sale q.b.

pepe bianco in polvere Tec-Al

parmigiano grattugiato q.b.

500 g di pasta fresca cordoni di frate Mugnaia Di Elice 

 

Iniziare con il mettere a mollo in acqua calda i funghi porcini.

In un largo tegame rosolare in olio le cipolline lunghe affettate sottilmente.

Unire gli stinchi di maiale precedentemente salati e pepati e fare rosolare il tutto.

Aggiungere un bicchierino di vinchef e fare sfumare.

Strizzare i funghi e metterli in tegame con la loro acqua passata al colino.

Aggiungere la passata di pomodoro,abbondante prezzemolo tritato.

Aggiustare di sale,unire un pizzico di zucchero e cuocere lentamente fino a cottura.

Cuocere al dente i cordoni di frate,condirli con il sugo,mettere sopra una bella spolverata di parmigiano grattugiato e…..SCIALARE (come si dice in Sicilia!!!).

 

 

3

 

4

 

 

 

6

7

 

Il Pastificio Mugnaia Di Elice si occupa della produzione e vendita di pasta fresca tipica abruzzese.

E’ una pasta dai formati molto particolari che si presta ad essere condita in vario modo.

Ed ecco che ci sono gli anellini alla pecorara,le fettuccine di Elice,gli gnocchi D’Annunziani,la mugnaia di Elice,i cordoni di frate,la chitarrina di Elice…..

Ciò che rende speciale questa pasta è il suo essere lavorata rigorosamente a mano.

Gli ingredienti usati sono la farina di grano tenero e la semola di grano duro che vengono lavorate con uova pastorizzate ed acqua.

Dire che è buona appare riduttivo…..

 

 

12

 

34

 

5

 

6

 

8

Con questa ricetta partecipo al contest di Acqua e Farina

15 commenti:

  1. mamma mia, che primo piatto...completo, gustoso..

    RispondiElimina
  2. Che ella ricetta! Sembra di essere al ristorante! Complimenti per la collaborazione!

    RispondiElimina
  3. ma che collaborazioni di tutto rispetto ! Mai sentito parlare di cordoni di frate ma ben vengano queste nuove conoscenze !!!! Ricetta ricca come sempre sono le tue, una goduria direi !! un abbraccino carissima Maria !

    RispondiElimina
  4. Complimenti prima di tutto per questa splendida collaborazione e per la sontuosità di questo meraviglioso piatto!!!!

    RispondiElimina
  5. Sono senza parole!Questo piatto dev'essere squisito,in pò la pasta lo rende ancor più speciale!

    RispondiElimina
  6. Passare da te è sempre un piacere, le tue ricette sono fantastiche!Questa pasta la conosco molto bene, ho da postare anch'io diverse ricette! Ottimo questo primo così squisito, complimenti! Ciao e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  7. miiizzica, autru chi scialari...voglio anche io questa pasta...!!!

    RispondiElimina
  8. Cara Maria sei sempre fantastica! Mi ricordo ancora il tuo pane con il miele e il camoscio d'oro...che delizia!
    Mi piacerebbe riaverti al mio nuovo contest...passa a trovarmi !
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. Ommioddiooo...spediscimela...

    RispondiElimina
  10. adorooooo fare la scarpetta...se poi è con questo sugo supersaporito...beh...allora mi ci tuffo a volo in questo piatto!
    e complimenti per la nuova collaborazione...ne avrai di piatti prelibati da preparare!
    bacioni

    RispondiElimina
  11. no vabbè *_* buono lo stincooooo
    devo provarlo così..io di solito lo faccio solo al forno.
    Bella la nuova collaborazione :)))

    RispondiElimina
  12. Mmmmmhhhhhh che combinazione di sapori perfetta e gustosa! complimentissimi

    RispondiElimina
  13. ottima ricetta, inserita! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...